La chirurgia robotica conquista Marche Nord. Patriti: “La squadra funziona”

di Stefano Mascioni

Marche Nord cambia passo e presenta il suo fiore all’occhiello, il robot chirurgico DaVinci prodotto dalla Intuitive Surgical che qualche giorno fa ha preso servizio presso il San Salvatore comandato dalle sapienti mani del Professor Alberto Patriti, uno dei migliori professionisti italiani nel campo della chirurgia robotica. In ospedale, la nuova tecnologia, nata da una ricerca della Nasa, ha subito trovato terreno fertile tanto che il sofisticato sistema è stato ribattezzato affettuosamente “Leo”.

da sx: Antonio Draisci, Alberto Patriti, Maria Capalbo, Luca Ceriscioli, Matteo Ricci

 Il direttore generale Capalbo: “mantenute le promesse”

Leo (il robtot ndr) e Alberto (il professor Patriti) hanno effettuato il primo intervento il il 27 di febbraio (su una neoplasia al colon retto di un paziente donna) e lunedì ci saranno altri due interventi – spiega il Direttore Generale Maria Capalbo – abbiamo mantenuto le promesse e devo dire che è stata una settimana intensa piena di emozioni, di entusiasmo, la chirurgia robotica rappresenta il rilancio di questa azienda, con le iper-tecnologie stiamo provando a cambiare la storia di Marche Nord. Un grazie a tutti gli operatori, agli amministrativi, alla parte tecnica, per questo ritrovato senso di appartenenza che mancava”.

Patriti: partenza in tempi record

“Abbiamo cominciato in tempi record grazie al substrato presente, l’azienda e il personale hanno organizzato tutto in tempi eccezionali, oltre ogni più rosea aspettativaspiega invece il Professor Patritiil 2 gennaio ho messe piede qua e due giorni dopo abbiamo iniziato con la chirurgia laparoscopica avanzata, un risultato del genere è possibile solo se insieme al chirurgo c’è una squadra che funziona, un clima collaborativo per rendere possibili questi interventi”. “A Pesaro ho trovato un’amministrazione che mi ha spiazzato, chiamare per nome il direttore generale è inusuale, così come la maggior parte dei chirurghi. Il primo intervento eseguito il 27 febbraio, ha richiesto un lavoro dietro le quinte importante, l’equipe chirurgica, il personale di sala hanno risposto alla grande, considerando che il robot richiede manutenzione, procedure ferree, sono stati tutti bravi, ricchi di entusiasmo. Io ho voluto spingermi oltre, perché generalmente nei primi interventi non si fanno casi complessi, ma questa è una tecnologia costosa e va limitata proprio ai casi difficili, ai pazienti che hanno patologie che diversamente andrebbero risolte a cielo aperto, Era assurdo cominciare con una banale colicisti. A me piace lavorare con la musica, e durante i primi interventi abbiamo messo in sottofondo Jovanotti e sembrava avessimo fatto questa procedura da anni. Continueremo il nostro percorso, la prossima settimana eseguiremo tre interventi, tre casi difficili, tra cui una recidiva neoplastica

Ricci: a Spoleto una mezza rivolta per la partenza del Professor Patriti

Ho conosciuto il Professor Patriti di persona oggi – spiega il Sindaco di Pesaro Matteo Ricci – indirettamente ne ho sentito parlare e so che a Spoleto, quando si è sparsa la notizia che sarebbe venuto a Pesaro c’è stata una mezza rivolta, lì avevano apprezzato la sua competenza. Credo che sia un grande acquisto per la nostra azienda ospedaliera e ci tendo a sottolineare che questa conferenza denota il cambio di passo, queste cose avvengono perché la Regione ha messo a disposizione risorse che prima non c’erano. Da anni aspettavamo assunzioni e budget, questo investimento dimostra il cambio di passo. Come sindaco e come amministratore del territorio, dico che la struttura è a disposizione del territorio ma anche oltre

Il video realizzato dal dottor Nardelli

 

Ceriscioli: ecco una squadra che funziona

Un altro impegno raggiunto in tempi incredibilispiega il Governatore delle Marche – considerando che ieri in Regione un dirigente ha impiegato 6 ore per emanare un decreto di 5 righe, tuttavia io non sono impressionato da Patriti, che è uno dei migliori in Italia, ma dalla risposta dell’azienda, che ha dimostrato che la qualità c’era già. I cittadini possono contare su una struttura che per ora ha il problema di essere sparpagliata su più presidi ma dove opera personale di grande valore. Spesso in sanità scattano meccanismi di resistenza specifica, Marche Nord è un esempio raro, fatto di professionisti che lavorano con grande passione. Sono convinto che il 2017 sarà un anno speciale, una sfida che sta mettendo in fila i risultati. Sono molto soddisfatto anche dell’incontro con l’ordine dei medici, molto positivi, la rete di medicina generale ha trovato interesse e disponibilità nell’incontro in cui il dottor Frausini ha fatto da, elemento catalizzatore; anche i medici di medicina generale se giocano una partita in coordinamento con marche nord, verranno contraccambiati dal fatto che  Marche Nord funziona. Il primo recettore, medico di famiglia, è la strada maestra per utilizzare in pieno la tecnologia che oggi vi abbiamo raccontato. Un grande salto di qualità. Quanto ai cittadini di Spoleto noi siamo aperti, possono cogliere anche loro la nostra qualità”.

Draisci: presto inizieremo anche con ginecologia e urologia

Il sistema è costato 2,3 milioni + iva, nel suo asset – spiega il direttore amministrativo Antonio Draiscie nella sua configurazione ottimale, che prevede anche il “table motion”, tavolo operatorio per muovere il paziente. Nel corso del 2017 effettueremo circa 100 interventi, estendendone l’uso anche alla chirurgia ginecologia e all’urologia, per ora un calcolo per intervento è difficile da fare, ma il diritto alla salute non deve essere associato a un valore economico, stiamo cercando di dare il meglio, mirando alla compatibilità economica con la possibilità di offrire le migliori cure possibili, per noi il paziente rimane al centro di tutto”

Condividi

Stefano Mascioni

Milanese per vocazione, innamorato della provincia di Pesaro, tra i primi in Italia a diventare giornalista professionista lavorando per una testata online. Il sogno proibito: fare informazione di qualità.

stefano-mascioni has 170 posts and counting.See all posts by stefano-mascioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ok
Questo sito utilizza cookies di profilazione e di terze parti che consentono di migliorare i nostri servizi per l'utenza. Continuando a navigare, accetti l'utilizzo dei cookies da parte di questo sito