La Vis “battezza” la nuova tribuna Prato con una vittoria

PESARO La Vis Pesaro inaugura la nuova tribuna Prato con una vittoria nella prima partita casalinga allo stadio Benelli. I ragazzi di Riolfo questo pomeriggio hanno sconfitto L’Aquila per 2 a 1. Al quarto minuto segna Baldazzi, gli abruzzesi pareggiano con una rete di Boldrini sul finire del primo tempo. A inizio della ripresa la Vis torna avanti con il gol, che decide l’incontro, di Carta. Biancorossi a punteggio pieno dopo due giornate, in virtù del successo anche alla prima di campionato in casa della Recanatese per 4 a 0. Ora la formazione pesarese è attesa dalla trasferta di San Marino domenica prossima.

Prima del fischio d’avvio, è stata inaugurata la tribuna Prato.

“Tre anni fa ci siamo visti al Circolo della Vis con società e tifosi. Sul tavolo abbiamo messo il progetto di ristrutturazione dello stadio: non ci credeva nessuno. Oggi siamo qui a inaugurare quello che avevamo condiviso e promesso”, ha detto il sindaco Matteo Ricci al Benelli.  La nuova Prato arriva “dopo supplementare in sintetico, nuovo impianto di illuminazione, interventi sulle laterali, restyling della tribuna coperta, riqualificazione spogliatoi e parcheggio di via Simoncelli (quasi un milione e 700mila euro l’investimento totale, ndr)”. La Prato “da oggi sarà ancora di più il dodicesimo uomo in campo. Una tribuna più sicura rispetto alla precedente, puntellata da anni. Era un’esigenza vera”, rimarca il sindaco, affiancato dagli assessori Mila Della Dora ed Enzo Belloni. “E’ un esempio di grande collaborazione tra società, tifosi e Comune. Ma è anche una dimostrazione di buona amministrazione, che si prende gli impegni e riesce a rispettarli prima dei tempi previsti. I tifosi meritavano uno stadio adeguato, all’altezza della squadra. Se lo aspettava anche la città: da 30 anni non si facevano interventi sul Benelli”. Ancora: “Con il tempo trasformeremo urbanisticamente la vecchia tribuna Prato. Ci sarà posto per un centro della Vis, con circolo e ristorante. Oltre a spazi commerciali e nuovi parcheggi”. Sul futuro: “Siamo andati sulla scelta modulabile. Se la Vis crescerà, come ci auguriamo tutti, abbiamo lasciato uno spazio dietro la porta (lato via Simoncelli) per la curva. La società è unita, i dirigenti sono validi. E la squadra è forte. Speriamo di toglierci altre soddisfazioni e di espandere ancora lo stadio”. Poi il taglio del nastro con i copresidenti Marco Ferri e Roberto Bizzocchi. Per Aroldo Pozzolesi, il geometra comunale dei lavori, la sciarpa biancorossa dal dg Guerrino Amadori.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ok
Questo sito utilizza cookies di profilazione e di terze parti che consentono di migliorare i nostri servizi per l'utenza. Continuando a navigare, accetti l'utilizzo dei cookies da parte di questo sito