Cresce l’export della Provincia: +4,4% nei primi sei mesi

PESARO  – L’export delle aziende della provincia di Pesaro Urbino è cresciuto del 4,4% nel primo semestre di quest’anno, secondo i dati diffusi dall’Istat e elaborati dal centro studi di Aspin 2000, l’azienda speciale della Camera di Commercio. Si tratta del miglior incremento registrato a livello regionale, anche se la media Paese del periodo gennaio-giugno si è incrementata del doppio (+8%). “Ormai da oltre due anni, le nostre aziende continuano a percorrere la strada della crescita sui mercati esteri – commenta il presidente dell’ente camerale, Alberto Drudi – e, anche in considerazione dell’exploit nazionale, è importante  tenersi agganciati al recupero e sfruttare ogni progetto di qualità che guarda oltre ai confini italiani, come unica occasione per migliorare le proprie performance, visto il perdurare della debolezza della domanda interna”.

Un giro d’affari da 1,2 miliardi di euro nei primi sei mesi

Nel primo semestre 2017, il fatturato sull’estero è stato complessivamente di 1,2 miliardi di euro. Drudi sottolinea che, “ancora una volta, a crescere sono il settore della meccanica (357,2 milioni e +5,6%) e quello agroalimentare (26,4 milioni e +14,2%)”. Quanto agli altri settori, l’arredamento fa un significativo passo indietro (144,6 milioni e -9,5%), “fortemente condizionato dal calo negli Stati Uniti (fatturato a 13,5 milioni in quel Paese, -25,5%)”. “Mi auguro – osserva Drudi – che sia un calo congiunturale e non strutturale, conseguenza della politica economica difensiva avviata in quel Paese”. Sostanzialmente stabile (93,1 milioni e -0,7%) è stato il sistema della moda, “una tenuta che conferma le qualità di un settore che, dal 2008, è stato messo in ginocchio e che ora ha tutta la solidità per essere testimone della qualità italiana nel mondo”.

La Francia il primo mercato per le merci pesaresi

Sul fronte dei Paesi di destinazione, la Francia si è confermato il primo mercato di sbocco per le merci pesaresi: 155,5 milioni nel primo semestre (+5,7%). La Germania, oltre a essere il secondo miglior cliente, ha registrato una crescita a due cifre: 131,2 milioni e +15,8%. “Dobbiamo essere orgogliosi della forza delle nostre esportazioni in Germania – fa notare il presidente della camera di commercio -, specie nel settore della meccanica, dove cresciamo del 17%: non solo vendiamo loro macchinari innovativi, ma anche componentistica e subfornitura a conferma del fatto che le nostre aziende hanno raggiunto un livello di eccellenza difficilmente riscontrabile nel mondo”.

Ancora una volta, i paesi europei sono stati i principali mercati di riferimento (Spagna +8,8%, Svizzera +12,8%, Polonia +14%), mentre gli Stati Uniti si sono  confermati al terzo posto, sia pure con una performance negativa (95,6 milioni e -6,4%). Dopo un lungo periodo di perdite, invece, va visto con ottimismo il recupero delle quote in Russia (35,5 milioni e +20,4%), trascinato principalmente dalla meccanica (+140%) e dal lieve incremento del mobile (+0,7%), mentre l’agroalimentare “ha subìto un altro durissimo colpo per via dell’embargo” e, da gennaio a giugno vale complessivamente solo 32,4 mila euro (-46,5%). Subito dietro la Russia si è affacciata la Cina, che “pur con fatturati ancora bassi (32,6 milioni), ha mostrato un significativo trend di crescita (+44,4%) che ci fa essere ottimisti”.

Export II trimestre 2017 2016 2017 Diff.Valore Diff.%
ITALIA 206.759.691.339 223.302.855.137 16.543.163.798 8,001155201
MARCHE 5.969.233.991 5.899.960.709 -69.273.282 -1,160505387
ANCONA 1.858.059.733 1.938.872.209 80.812.476 4,349293759
ASCOLI PICENO 1.510.580.548 1.296.107.923 -214.472.625 -14,1980264
PESARO-URBINO 1.162.091.545 1.212.704.370 50.612.825 4,35532168
MACERATA 807.861.193 828.799.240 20.938.047 2,591787696
FERMO 630.640.972 623.476.967 -7.164.005 -1,135987879

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ok
Questo sito utilizza cookies di profilazione e di terze parti che consentono di migliorare i nostri servizi per l'utenza. Continuando a navigare, accetti l'utilizzo dei cookies da parte di questo sito