Vacanze per motociclisti: Biancani lancia i Motorbike Hotel

La Terra di Piloti e motori come polo turistico specializzato per chi viaggia in moto. E’ l’idea proposta in Consiglio Regionale da Andrea Biancani, motociclista appassionato e da sempre sostenitore delle due ruote.  “I Motorbike Hotel devono essere inseriti tra i network di specializzazione dei servizi turistici regionali – spiega – queste strutture  si caratterizzerebbero per servizi specifici offerti agli ospiti motociclisti come ad esempio: attrezzature di base per interventi e spazi idonei per custodire i mezzi; locale garage con attrezzature di base per interventi di manutenzione; parcheggio dedicato custodito; esposizione all’interno della struttura di informazioni specifiche e turistiche per i motociclisti; presenza di personale in grado di fornire informazioni sui luoghi, mappe stradali, siti museali, dove degustare e acquistare prodotti tipici enogastronomici; localizzazione dei servizi di base; informazioni sulla viabilità, sulle situazioni meteo, sull’assistenza del mezzo, sui servizi alla persona e alle moto; disponibilità ad offrire servizi logistici per l’invio di prodotti e materiale acquistato in vacanza e difficilmente trasportabile in moto.”

Insomma, l’immagine del motociclista sporco, brutto e cattivo è definitivamente tramontata, ora per rivolgersi a questo specifico target, ci vogliono servizi specializzati che rendano la vacanza in moto perfetta.

Inseriti nel network delle Marche

“Inserire i Motorbike Hotel tra i Network di specializzazione dei servizi turistici previsti dalla Regione – prosegue Biancani – consentirà di incrementare i flussi escursionistici grazie ad una offerta di servizi più specializzata e più rispondente ai bisogni del mercato.”

I gestori degli Hotel, infatti, aderendo ai Network di specializzazione dei servizi attivati dalla regione Marche con la sottoscrizione di un disciplinare di qualità che prevede requisiti obbligatori e opzionali, avranno in cambio una adeguata visibilità sugli strumenti di promozione attivati dalla Regione Marche e la conseguente migliore risposta dal mercato in termini di acquisti.

Attualmente sono già 400 gli operatori turistici che hanno aderito, con le loro strutture ricettive, ai Network regionali che sono: Family, Cultura, Trekking, Bike, Benessere, Business, Meeting cui si aggiungerà, dopo la richiesta di Biancani, anche il Motorbike.

Il patrimonio motoristico – conclude Biancani – è uno degli asset principali nella promozione locale anche attraverso la valorizzazione di musei, collezioni private, mondo delle aziende del settore motoristico, non solo in una ottica sportiva e industriale ma anche con la ricostruzione della memoria e dell’identità locale, soprattutto anche grazie all’attività che l’Associazione “Terra di piloti e motori” sta portando avanti. La passione della motocicletta è in costante ascesa, specialmente in un territorio come il nostro pieno di bellezze naturali e culturali, e sono sempre di più le agenzie turistiche che promuovono il mototurismo. Ringrazio l’Assessore Moreno Pieroni per aver accolto questa mia richiesta. Investire in questo settore significa dare un ulteriore impulso al turismo regionale e a tutto l’indotto ad esso collegato.”

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ok
Questo sito utilizza cookies di profilazione e di terze parti che consentono di migliorare i nostri servizi per l'utenza. Continuando a navigare, accetti l'utilizzo dei cookies da parte di questo sito