Piano neve, vertice per prepararsi al generale inverno

PESARO – Riunione tecnica, questa mattina, presso la Sala Operativa Integrata (S.O.I.). A presiederla il Prefetto Carla Cincarilli, che ha coordinato il lavori tra tutte le componenti del sistema provinciale di Protezione Civile, per esaminare tutti gli aspetti delle procedure e la tempestiva attivazione delle misure di protezione civile in ambito provinciale, in caso di situazioni di emergenza durante la stagione invernale.

La Regione Marche ha illustrato preliminarmente le procedure di allertamento del Sistema Regionale di Protezione Civile che prevedono l’invio da parte del Centro Funzionale della Regione degli avvisi di condizioni meteo avverse, di criticità idrogeologica e rischio valanghe, con l’indicazione della allerta ordinaria, moderata ed elevata .

Si è, poi, passati ad una attenta disamina dei Piani Neve 2017, predisposti, per la viabilità provinciale, statale ed autostradale (tratto A/14), dagli enti proprietari delle strade, contenente la indicazione del numero di mezzi di sgombero neve in dotazione e di quelli che saranno impiegati dai privati sulla base di intese definite a livello contrattuale .

Sono state inoltre fornite indicazioni sulle turbine dislocate sul territorio provinciale che saranno impiegate in presenza di un forte innevamento sulla viabilità, che non consenta il ripristino della stessa con interventi ordinari.

I dati relativi ai mezzi per lo sgombero neve (pale meccaniche, turbine, spazzaneve, ecc) impiegati per la pulizia della viabilità provinciale, statale e autostradale saranno comunicati a cura degli enti proprietari delle strade alla Regione Marche, che provvederà al loro inserimento nel database regionale ove sono già confluiti gli stessi dati inviati dai Comuni della provincia,per renderli disponibili a tutti i componenti del sistema provinciale di protezione civile .

La Regione Marche si è riservata di fornire notizie sulla presenza di situazioni di rischio su centri abitati derivanti dal pericolo valanghe, sulla base delle indicazioni contenute sulla “ carta rischi valanghe”, per sensibilizzare i Sindaci dei Comuni interessati, all’adozione delle misure di pianificazione necessarie per l’evacuazione della popolazione presente nelle località a rischio, in caso di necessità.

Nel corso della riunione sono state, inoltre, segnalate dal Servizio tutela gestione assetto del territorio della Regione Marche le situazioni di criticità presenti sul territorio provinciale riguardanti il rischio idraulico e idrogeologico, tenuto conto anche della presenza lungo il corso dei fiumi Metauro e Foglia delle dighe del Furlo, Tavernelle e San Lazzaro, gestite da Enel Green Power Spa e della diga di Mercatale di Sassocorvaro, gestita dal Consorzio regionale di bonifica .

Il Prefetto Cincarilli, al termine della riunione, ha richiamato l’attenzione di tutte le componenti del sistema provinciale di Protezione Civile perché, nei rispettivi ambiti di competenza, assumano tutte le misure di organizzazione necessarie per il tempestivo impiego delle risorse a disposizione in termini di uomini e mezzi, al verificarsi di una situazione di emergenza.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ok
Questo sito utilizza cookies di profilazione e di terze parti che consentono di migliorare i nostri servizi per l'utenza. Continuando a navigare, accetti l'utilizzo dei cookies da parte di questo sito