Karlo Sikharulidze, ambasciatore della Georgia “Faremo crescere le relazioni commerciali con Pesaro”

PESARO “La Georgia può rappresentare per l’export pesarese un solido e strategico ponte con l’Asia”. Parola presidente della camera di commercio, Alberto Drudi, che questa mattina ha incontrato l’ambasciatore georgiano in Italia, Karlo Sikharulidze. L’incontro, fissato da tempo, “è servito a consolidare le relazioni istituzionali sull’asse Pesaro Urbino-Tbilisi e a presentare le opportunità offerte dal mercato della Georgia, in particolare per il settore infrastrutturale”.

Sikharulidze e Drudi

Si tratta di un primo incontro nelle Marche al quale ne seguiranno presto altri – ha spiegato il diplomatico – con l’obiettivo chiaro di far crescere le relazioni commerciali con la vostra regione, nel solco degli accordi che sono stati presi in occasione della visita del premier Gentiloni nel nostro Paese”. Nel corso dell’incontro, il presidente Drudi ha ricordato che “l’ente camerale, attraverso la sua azienda speciale Aspin 2000, da diversi anni opera in quell’area”. “La Georgia è un Paese solido e affidabile – ha spiegato – che ha avviato un importante processo di ammodernamento, interessante per le aziende della nostra provincia, a cominciare dalle infrastrutture e dalla manifattura, settori che possono trasferire prodotti e conoscenza”. A Palazzo dell’Economia, si è parlato anche della nuova via della seta, il corridoio che attraversa l’Asia centrale e il Caucaso meridionale, “perché non è solo una nuova autostrada ma un vero e proprio corridoio commerciale che porta sul Mar Nero, diventando uno snodo fondamentale per chi vuole esportare in Cina e in Turchia”. L’ambasciatore Sikharulidze, che era accompagnato dal primo consigliere Sophia Kartsivadze, ha anche ricordato che “questa strada a scorrimento veloce si affianca al corridoio ferroviario tra Baku e Kars, che ha permesso di accorciare di due settimane i tempi di spedizione tra Europa e Cina”.

La nostra speranza – ha concluso Drudi – è quella di veder crescere l’interscambio commerciale tra la nostra provincia e la Georgia e sono convinto che le relazioni che anche oggi abbiamo rinnovato possano essere utili all’intero sistema economico delle Marche, partendo dai settori di punta che sono meccanica e mobile, ma senza trascurare che oltre alle merci dobbiamo cominciare a spostare anche le persone, attraverso una nostra offerta turistica competitiva e di qualità”.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ok
Questo sito utilizza cookies di profilazione e di terze parti che consentono di migliorare i nostri servizi per l'utenza. Continuando a navigare, accetti l'utilizzo dei cookies da parte di questo sito