Ragazza truffa anziana vedova in casa: rubati oro e contanti per 2000 euro

PESARO – I soliti sciacalli che attaccano le persone più deboli e indifese. Ieri pomeriggio, 25 maggio 2018, intorno alle ore 15.00, una ragazza si è presentata a casa di una casalinga pesarese di 82 anni, vedova, e con una serie di artifizi, bugie e raggiri, è riuscita a impadronisti di  350 euro in contanti e a rubare numerosi oggetti in oro, per poi dileguarsi, causando un danno complessivo di circa 2.000 euro non coperti da assicurazione.

Nello specifico, la donna truffata, poco prima di essere derubata, nell’affacciarsi al balcone di casa, ha notato una Fiat grigia in sosta, dalla quale è scesa una giovane ragazza che le ha chiesto di salire per chiedere delle informazioni.

Giunta dinnanzi alla porta d’ingresso, la vittima ha fatto entrare la giovane ragazza sconosciuta, errore imperdonabile.

Quest’ultima infatti, ha chiesto alla donna fantomatiche informazioni rispetto a un appartamento che era in vendita al piano terra dello stabile dove vive l’anziana, chiedendo al tempo stesso se in zona vi fossero altri appartamenti in vendita; la donna ha risposto che l’appartamento non era più in vendita e non sapeva se nella zona vi fossero altri appartamenti disponibili. Terminato il colloquio, le due donne hanno raggiunto l’ingresso dell’abitazione e la ragazza è uscita ringraziando.

In tale occasione, la vedova si è affacciata di nuovo dal balcone di casa e ha notato che la ragazza salire a bordo della Fiat grigia per ripartire insieme ad un giovane sconosciuto che la stava aspettando.

Una volta rientrata in casa, la signora anziana è andata in camera da letto e ha notato alcuni cassetti dei mobili aperti, scoprendo con dolore che alcuni suoi oggetti in oro erano stati rubati.

Probabilmente il ragazzo in auto era salito ed aveva ripulito l’appartamento, mentre la ragazza distraeva l’anziana.

Il Maggiore dei Carabinieri Patrizia Gentili raccomanda di non far mai entrare gli sconosciuti in casa, per qualsiasi motivo.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ok
Questo sito utilizza cookies di profilazione e di terze parti che consentono di migliorare i nostri servizi per l'utenza. Continuando a navigare, accetti l'utilizzo dei cookies da parte di questo sito