Miralfiore: ecco il piano di Ricci per renderlo più sicuro

PESARO – E’ la più grande osai verde della città, ma la sua sicurezza fa discutere. E’ di ieri l’ultima operazione dei Carabinieri che hanno trovato della marjuana occultata in un cespuglio. Ora la strategia del sindaco Ricci per combattere il degrado, prevede telecamere, luci e pattuglie della municipale su due turni per «rafforzare la sorveglianza». Ma anche eventi e iniziative perché secondo il primo cittadino «il Miralfiore è bellissimo, è più è frequentato, più è tranquillo». Questo pomeriggio Ricci, insieme all’assessore Luca Bartolucci, il comandante della Municipale Gianni Galdenzi e il consigliere Massimiliano Santini ha effettuato sopralluogo, dopo il comitato di ordine pubblico, per rendersi conto direttamente sul luogo dela situazione. Al termine il sindaco ha fato il punto partendo proprio dalla sicurezza: «La competenza è delle forze dell’ordine, che in questi giorni hanno già rafforzato la loro presenza (con polizia, carabinieri e guardia di finanza, ndr). E’ stata una nostra richiesta: con loro c’è grande dialogo, collaborazione e gioco di squadra. Noi continueremo a fare la nostra parte: il Comune può dare una mano nel presidio con i vigili. E’ per questo che manderemo pattuglie della municipale su due turni, tutti i giorni, mattina e pomeriggio (dalle 8.30 alle 13.30 e dalle 14 alle 19, ndr). Un aiuto in più all’interno del parco, sul fronte della sorveglianza e dei controlli».  La strategia prevede anche un maggiore controllo grazie alla videosorveglianza «Con Marche Multiservizi acquisteremo quattro o cinque telecamere di ultima generazione, che si aggiungeranno a breve a quella panoramica, già in funzione, al centro del parco; saranno collegate alla centrale operativa. Le posizioneremo nei punti ritenuti più funzionali dalle forze dell’ordine». Un investimento, osserva il sindaco, che si abbina al potenziamento dell’illuminazione: «Sempre con Marche Multiservizi  abbiamo cambiato completamente le luci su tutti i viali. Ora ci sono quelle a led, nuove e molto più efficaci. E’ un’azione che rientra negli interventi portati avanti in tutta la città (investimento di sette milioni tra Comune e Mms, ndr), ma sul Miralfiore si è prestata particolare attenzione. Ed è un miglioramento significativo». Novità in vista anche sul fronte recinzioni.«Interverremo nelle prossime settimane sulla rete lato stazione. Che sarà rifatta interamente, con un lavoro da circa 60mila euro», precisa Ricci. Che tuttavia insiste: «Il parco è sicuro, ma respira se vive. E’ importante frequentarlo, perché dove c’è vita sta lontano il degrado. Per questo rafforzeremo gli eventi al suo interno. Anche di natura sportiva. In più, le associazioni garantiranno iniziative di carattere culturale, nel periodo autunnale e invernale». «Facciamo di tutto per rendere più sicuro il Miralfiore – conclude Ricci – e continueremo in futuro, ma i pesaresi vivano il parco».

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ok
Questo sito utilizza cookies di profilazione e di terze parti che consentono di migliorare i nostri servizi per l'utenza. Continuando a navigare, accetti l'utilizzo dei cookies da parte di questo sito