Ecco 14 nuovi pullman per le tratte Pesaro-Urbino, Pesaro-Fano, Fano-Calcinelli e Pesaro-Gradara

URBINO –  14 nuovi autobus. Un investimento di quasi 7 milioni di euro, (3,5 milioni messi a disposizione dalla Regione Marche, attraverso i fondi MIT e POR–FESR), sono i numeri dei nuovi mezzi AMI, presentati oggi nel corso di una cerimonia in Piazza Mercatale a Urbino.

La nuova flotta si aggiungere ad altri 14 mezzi entrati in servizio nell’ultimo biennio e a questi se ne aggiungeranno altri 6 in arrivo a gennaio 2019. Si tratta di mezzi con emissioni rispondenti alle normative Euro 6 e predisposti per il trasporto di biciclette, utilità molto richiesta nella nostra provincia, che si appresta a diventare un territorio con una mobilità ciclistica tra le più elevate a livello nazionale.

«Tutti questi investimenti permetteranno alla società un rinnovo di oltre il 20% del parco autobus – spiega il presidente di Ami, Luciano Balducci – con oltre 34 mezzi di ultima generazione. Si tratta di un progetto che ci permetterà di ridurre significativamente l’impatto ambientale, oltre a rendere più appetibile l’uso del mezzo pubblico”.

La flotta di Ami si compone attualmente di circa 200 autobus, con una percorrenza di oltre 7,5 milioni di chilometri all’anno in tutta la provincia di Pesaro e Urbino.

«Al centro del nostro piano industriale – prosegue il presidente – c’è la mobilità sostenibile, che deve necessariamente soddisfare i bisogni della generazione attuale senza compromettere la capacità di soddisfare i bisogni delle generazioni future. La nostra sfida è accelerare in questa direzione, certi che si tratta di un tema che sta diventando fondamentale per le politiche dei comuni e dei territori». Per Balducci, “si tratta di un tema strategico anche per le aziende della nostra provincia, perché impatta fortemente sulle azioni di welfare, sulla conciliazione vita privata e lavoro e sulla loro organizzazione”. Un riferimento, quest’ultimo, alla nuova professione del mobility manager, che si dovrà occupare della pianificazione degli spostamenti casa-lavoro dei dipendenti delle aziende medio-grandi.

Una corretta programmazione della mobilità sostenibile – spiega il direttore generale di Ami, Massimo Benedetti – migliora la qualità ambientale, contiene i costi e i consumi energetici, aiuta a programmare politiche aziendali”. Da qui, la visione moderna di Ami: “Organizzare un trasporto pubblico che rispetti l’ambiente, che usufruisca di infrastrutture moderne, di nuova tecnologia, e soprattutto che abbia un approccio consapevole verso questo nuovo tema, in un’ottica di sharing economy e smart city».

Dei 14 nuovi autobus, 9 sono stati prodotti dall’azienda Setra (Gruppo Evobus) e 5 da Iveco (controllata da Cnh Industrial), due dei player mondiali tra i più importanti nel settore di veicoli per il trasporto.

«Si tratta di mezzi con standard elevatissimi di efficienza e qualità – precisa Benedetti – molto tecnologici, confortevoli, facilmente accessibili dai passeggeri con ridotta capacità motoria e dotati di tutte le tecnologie oggi presenti sul mercato»: AVM (automatic vehicle monitoring), impianto di video sorveglianza a bordo, telecamera per la ripresa di eventuali incidenti, impianto antincendio.

«I 14 nuovi autobus – ha concluso il direttore generale – saranno utilizzati già a partire da lunedì e viaggeranno sulle nostre direttrici principali, come la linea 46 ‘Speedy Urbino–Pesaro’, la ‘99 Speedy Pesaro–Fano’ e la 25 ‘Speedy Fano–Calcinelli’ e sulla linea 130/131 Pesaro – Gradara».

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ok
Questo sito utilizza cookies di profilazione e di terze parti che consentono di migliorare i nostri servizi per l'utenza. Continuando a navigare, accetti l'utilizzo dei cookies da parte di questo sito