Capotreno aggredita sul regionale per Rimini, arrestato marocchino

FANO – Viaggiava senza biglietto e per tutta risposta ha aggredito la capotreno che stava facendo il proprio lavoro. E’ successo due sere fa sul treno  in viaggio tra Ancona e Rimini. All’altezza della stazione di Fano, una giovane capotreno ha chiesto di esibire il biglietto ad un uomo straniero, che invece di favorire il documento di viaggio ha insultato e minacciato la donna, arrivando a strattonarla violentemente nel tentativo di eludere il controllo. Alcuni viaggiatori che hanno assistito alla scena, lo hanno fermato ed evitato conseguenze più gravi alla capotreno, che non si è persa d’animo ed ha allertato i carabinieri tramite il 112. Alla stazione di Fano ad attendere il treno in arrivo, il violento ha trovato quattro carabinieri che lo hanno preso in consegna, mentre gli altri viaggiatori sono stati fatti scendere dalla capotreno per motivi di sicurezza ed hanno dovuto proseguire il viaggio su un altro convoglio giunto in stazione dopo pochi minuti. L’uomo, sprovvisto di documenti, è stato identificato tramite le impronte digitali in M.M., marocchino 58enne senza fissa dimora disoccupato con una richiesta di permesso di soggiorno per protezione internazionale. La capotreno non ha riportato lesioni, se non un grande spavento, e dopo aver raccontato i dettagli della vicenda ai carabinieri intervenuti, ha proseguito il viaggio sul treno dove era avvenuta l’aggressione mentre il magrebino è stato arrestato per violenza e minaccia ad incaricato di pubblico servizio ed interruzione di pubblico servizio. Dopo una notte trascorsa nelle camere di sicurezza della compagnia dei carabinieri di Fano, lo straniero è stato condotto dinanzi al giudice del tribunale di Pesaro che ha convalidato l’arresto e lo ha rimesso subito in libertà perché privo di precedenti penali.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ok
Questo sito utilizza cookies di profilazione e di terze parti che consentono di migliorare i nostri servizi per l'utenza. Continuando a navigare, accetti l'utilizzo dei cookies da parte di questo sito