Fossombrone: arrestato spacciatore marocchino

FOSSOMBRONE – Le forze dell’ordine non abbassano la guardia e continuano l’opera dei repressione dello spaccio nella Valle del Metauro. Alla fine di febbraio, la Polizia di Pesaro, insieme agli agenti del commissariato di Urbino, ha arrestato Fossombrone un 33enne, cittadino marocchino, disoccupato, pizzicato in flagranza di reato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

In particolare, la mattina del 22 febbraio 2019 i poliziotti, sospettando che l’uomo spotesse essere coinvolto in un’attività di spaccio di cocaina per i consumatori di Fossombrone e dei comuni vicini, hanno perquisizione la sua abitazione trovando e sequestrando 25 grammi circa di cocaina, 60 grammi circa di hascisc e materiale per il confezionamento delle dosi. Inoltre all’interno dell’automobile dello stesso è stato trovato un involucro contenente altri 50 grammi di cocaina.

L’uomo, è stato arrestato e su disposizione del giudice, è stato posto agli arresti domiciliari in attesa del processo.

Rimane alta l’attenzione degli investigatori sulla Valle del Metauro, negli ultimi mesi salita alle cronache per alcune significative operazioni, conclusesi con arresti di presunti spacciatori e sequestri di sostanze stupefacenti, fra le quali si ricorda quella effettuata dalla Squadra Mobile di Pesaro insieme ai Commissariati di Fano e Urbino durante le scorse vacanze di Natale, che ha permesso di  assicurare alla giustizia un cittadino albanese e due forsempronesi e di sequestrare mezzo chilo di cocaina e mezzo chilo di hascisc.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ok
Questo sito utilizza cookies di profilazione e di terze parti che consentono di migliorare i nostri servizi per l'utenza. Continuando a navigare, accetti l'utilizzo dei cookies da parte di questo sito