myCicero abbatte Il Bisonte, vittoria in casa con Firenze

di Franco Elisei

PESARO – La myCicero perde un punto, o meglio lo lascia al Bisonte Firenze ma sul finale s’impone come sa fare, dominando il tie-break. E’ in vantaggio per 2 set a zero e ha tutto il potenziale per chiudere in tre set ma si fa trascinare al quinto set, dove però non fallisce. Con questa vittoria per 3-2 entra però, entra con gran merito negli ottavi di Coppa Italia (che si giocherà il 20 dicembre alle 20.30 a Pesaro). Ed è già storia. “Se lo merita la squadra e lo staff tutto – evidenzia Matteo Bertini senza di loro non avremmo questi risultati“.

Ma contro Firenze , che comunque vanta due nazionali e ambisce ai play off, la myCicero ha rischiato. Ad un certo punto i punti di forza di Pesaro, come il servizio,  sono diventati punti di forza delle avversarie scambiandosi le criticità. La stessa capitana argentina è calata nel rendimento a rete tanto da far registrare solo un 25 percento di efficacia in attacco. “Stiamo ricevendo a due – spiega il tecnico pesarese – e questo è molto dispendioso. Nizetich è molto importante in questo settore e possiamo concederle qualche attenuante“. “Nel terzo e quarto set – continua Bertini abbiamo perso la concentrazione e il muro-difesa è saltato. Io  mi sono arrabbiato tantissimo. Forse troppo. Forse le ho disorientate. Ma al tie-break abbiamo dominato e vinto meritatamente. Per me era importante fare i punti oggi“.

Primo set sul velluto

Nel primo set la supremazia delle pesaresi è già evidente. La myCicero mostra più varietà di gioco e più incisività. Soprattutto costruisce la vittoria sul servizio: efficace e potente, che ha messo più volte in difficoltà la squadra avversaria. Pesaresi superiori anche nella difesa dove la Ghilardi si è mostrata una certezza. Il Bisonte Firenze ha tentato solo a sprazzi di mettere in discussione il parziale, ha provato anche ad annullare due set ball (da 24-15 a 24-17) ma nulla ha potuto contro una myCicero più determinata ma soprattutto meglio disposta in campo (25-17).

Secondo set, la svolta

Secondo set determinante ma anche significativo per spiegare l’evoluzione della partita. Bracci, tecnico delle fiorentine apporta variazioni tattiche ma inizialmente i rapporti di forza non appaiono cambiati:  il Bisonte Firenze sembra dover subire la stessa sorte del precedente parziale ma a metà set trova la forza di reagire e dal 14-10 a suo sfavore riesce a recuperare e addirittura a superare le pesaresi  su 17-18. Si lotta punto su punto. Le fiorentine ritrovano servizio e colpi efficaci, soprattutto da posto “due”. Il muro pesarese appare meno compatto delle altre volte. Ma nei momenti cruciali myCicero emerge e Bokan non fallisce appoggiata dai colpi di Van Hecke.Si va avanti a stretto contatto (18-19 poi 19-20). Firenze appare più convinta, continua a sfruttare le schiacciate da posto due, ma quando la myCicero riesce a variare il gioco non ce n’è per nessuno. Può vantare diverse potenzialità a rete. Bertini chiama un provvidenziale  time out sul 24-23. E il minuto di sosta gli dà ragione (25-23).Le reazione delle fiorentine si concretizza però nel terzo parziale. Il sestetto di Bracci si allunga subito sul 3-7, Pesaro recupera sull’8-9 ma non appare concentrata, tanto da subire ancora un pesante  12-19. Bertini  sul 14-20 tenta di alzare il muro con l’innesto di Baldi affidando a Carraro la regia. Il divario è troppo grande per sperare nel miracolo. Firenze ritrova continuità e muro. Pesaro arriva ad annullare due set ball ma nulla più. Concede addirittura la vittoria del parziale affossando a rete il servizio (20-25).

Incredibilmente si rovesciano i rapporti di forza in campo. La myCicero perde la sua compattezza e Firenze ritrova continuità, servizio e schiacciate vincenti. Complice anche una discutibile interpretazione arbitrale sul 12-14 le pesaresi entrano in un vortice di smarrimento totale. E dal possibile 13-14 passano ad un irrecuperabile  12-19 cedendo sotto un irresistibile servizio della mancina Tirozzi. My Cicero diventa prevedile e soft, Il Bisonte continua a macinare punti. Sul 14-21 Bertini ci riprova con doppio cambio regia schiacciatrice, per aumentare la potenzialità a rete. Sul 18-24 tenta anche il gioco senza palleggiatrice. Nulla da fare. Le fiorentine la costringono al tie break.

Tie break  dove si ribaltano ancora una volta le forze. La My Cicero torna ad essere protagonista. Concentrata e determinata non concede nulla alle avversarie mettendo la museruola anche alla Tirozzi e allungando in un incredibile 13-3. Non c’è storia, quando Cambi riesce a variare il gioco a rete, le pesaresi non si fermano. Anzi dominano: 15-6.

Il tabellino

MyCicero Volley Pesaro : Bokan 13, Cambi 2, Olivotto 9, Nizetich 9, Ghilardi, Bussoli, Aelbrecht 10, Van Hecke 28, Baldi 2, Carraro, Arciprete 2, Lapi. All: Bertini.

Il Bisonte Firenze: Sorokaite 23, Alberti 8, Bechis 7, Bonciani, Tap10, Santana 11, Di Iulio, Parrocchiale, Pietrelli, Milos 4, Tirozzi 13. All: Bracci

Arbitri: Brancati e Cerra

Spettatori: 1300

Inviato da iPad

Condividi
Franco Elisei

Franco Elisei

Presidente dell'Ordine dei Giornalisti delle Marche

franco-elisei has 22 posts and counting.See all posts by franco-elisei

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ok
Questo sito utilizza cookies di profilazione e di terze parti che consentono di migliorare i nostri servizi per l'utenza. Continuando a navigare, accetti l'utilizzo dei cookies da parte di questo sito