Come Ottenere Coloritura dei Metalli

Aggiornato il 7 Aprile 2021

Questo lavoro si ottiene per mezzo dell’ossidazione artificiale, secondo diversi metodi. Alcuni sistemi comunemente usati sono i seguenti: acciaio: brunitura a freddo, con liquidi per brunitura reperibili in commercio; brunitura scura, passando più mani di olio di lino e riscaldando successivamente con lampada a benzina o cannello per saldatura a circa 400° C, rivestendo la superficie con vernice trasparente.

iDopo invece c’è la brunitura a caldo: si ottiene riscaldando la superficie a 300-320° C sempre con lampada a benzina o cannello, ed una volta raggiunto il colore desiderato si dovrà raffreddare il pezzo rapidamente e ricoprire la superficie con vernice trasparente; rame: brunitura scura, realizzabile con più mani di acido nitrico diluito e successivo riscaldamento.

La brunitura verde invece, coprendo con una soluzione di 50 g di acido acetico glaciale, 2 g di acetato di rame, 2 g di acido ossalico e 4 g di cloruro di ammonio; verniciatura marrone chiaro, mediante bagno in una soluzione di 20 g di nitrato di rame e 5 g di cloruro di ammonio, in 1 l di acqua, con lavaggio ed essiccazione; colorazione di rosso, con immersione in soluzione al 10 per cento di sale di ematite gialla.

La patina artificiale si ottiene per mezzo di brunitura con soluzione di zolfo e di ammonio, e con successiva applicazione di diverse mani di un’ altra soluzione composta da 8 g di sale da cucina, 8 g di cloruro di ammonio, 4 g di acido ossalico e 50 g di acido acetico glaciale in 1 l di acqua; coloritura di bruno, mediante bagno in soluzione calda di 25 g di solfuro e 5 cc di soluzione ammoniacale in 1 l di acqua. In ogni caso comunque è sempre bene passare successivamente la vernice trasparente, in quanto il sottile strato di brunitura non resiste molto a lungo. Prima della verniciatura il pezzo dovrà essere essiccato completamente.